Fondo libretti - Conservatorio di musica di Padova

Mastro Diavolo

MASTRO DIAVOLO/ (Dal "Bärenzahn Teufel" di ANY HIMAIN)/ LEGGENDA DRAMMATICA IN 3 ATTI/ di/ EMANUELE MANDELLI/ PER LA MUSICA DELLO STESSO AUTORE/ [fregio]/ Tip. Gambirasio e C. - Bergamo/ 1924

Type
Opera  
Carte
24  
Struttura Frontespizio
Copertina in cartoncino beige con illustrazione in bianco e nero  
Dimensioni
14,3 x 20,6 cm  
Tipografo
Gambirasio e C.  
Editore
Proprietà dell'Autore  
Stampa
Bergamo, 1924  
Segnatura
LIBRETTI/ BUSTA 64/ 2  
Libretto
Mandelli Emanuele  
Musica
Mandelli Emanuele  
Atti
3  
Scene
I, 2 parti; II; III, 2 parti  
Personaggi Interpreti
BÄRENZAHN, Mastro Diavolo: Baritono; DONATELLA: Soprano; ASTOLFO: Tenore; ROMILDA: Mezzosoprano; SATANA: Basso; FRATE GOFFREDO: Basso  
Cori Comparse
Personaggi secondari: Tizzondoro; Lamponero; Cornobianco; Malavampa / Coro: Demoni; Folla; Corifei; Fanciulle  
Luogo
L'azione del 1° atto si svolge in un paese del Baden; quella del 2° e del 3° sulle coste baltiche dell'Alta Svezia. Epoca secolo XV.  
Mutamento Scene
I, parte prima: Le prime ore della sera. Un grande albero al centro; in fondo l'esterno di un monastero intorno al quale otto demoni si muovono come in agguato. Bärenzahn entra accompagnando Satana./ parte seconda: La sera seguente verso il tramonto. Il giardino di un monastero. Un gruppo di giovanette è disposto in cerchio e gira con salti cadenzati intorno ad una compagna che sta nel centro con gli occhi bendati. Una delle compagne porta una collana di perline. Il giuoco è sorvegliato da due monache sedute a ricamare contro l'alto muro di cinta che passa in fondo.
II: Alla viglia di un anno dopo. L'interno di un castello. A sinistra l'entrata agli appartamenti, indietro, in angolo, un cancello d'entrata. In fondo un lungo parapetto dal quale si vede in basso la città e il portodi mare. A destra in fondo il giardino: più avanti una torre.
III, parte prima: Al mattino seguente. Una piccola cappella sopra una collina. Un frate eremita esce da una capanna e va a regolare la lampada che arde davanti all'immagine sacra. Dopo qualche minuto appare Astolfo./ parte seconda: Un bosco limitato da rocce che danno sul mare che sta sotto a picco. È notte. Donatella dorme sotto un albero... e sogna. IL SOGNO: Donatella sogna una danza grottesca e bizzarra di esseri strani che la circondano, la premono, fuggono... ritornano, la scherniscono... Cessata la ridda, Donatella crede di vedere Romilda che le viene incontro con passo lento e minaccioso e con la mano armata di pugnale.  
Note
In calce all'illustrazione di copertina "Sant'Ambrogio 1923"  
Disponibile al prestito
Disponibile solo per consultazione