Fondo libretti - Conservatorio di musica di Padova

Dejanice

DEJANICE/ DRAMMA LIRICO IN QUATTRO ATTI/ DI/ A. ZANARDINI/ MUSICA DI/ ALFREDO CATALANI/ Proprietà per tutti i paesi. - Deposto a norma di legge e dei trattati internazionali./ Tutti i diritti di esecuzione, rappresentazione, riproduzione,/ traduzione e trascrizione sono riservati./ [fregio]/ G. RICORDI & C./ EDITORI - STAMPATORI/ Milano - Roma - Napoli - Palermo - Londra - Lipsia - Buenos Aires - New York/ PARIS: SOCIÉTÉ ANONYME DES ÉDITIONS RICORDI - PARIS/ 18, Rue de la Pépinière, 18/ PRINTED IN ITA

Type
Opera  
Carte
22  
Struttura Frontespizio
Cop. in cartoncino bianco  
Dimensioni
13 x 19,5 cm  
Editore
G. Ricordi & C.  
Num Editoriale
93751  
Stampa
Milano  
Fondo
Enrico Giachetti  
Segnatura
LIBRETTI/ BUSTA 3/ 9  
Libretto
Zanardini Angelo  
Musica
Catalani Alfredo  
Atti
4  
Scene
I, 1; II, 1; III, 2 quadri; IV, 1  
Personaggi Interpreti
DARDANO, vecchio triumviro di Siracusa; ARGELIA, di lui nipote; DEJANICE, patrizia, ora etèra; ADMÈTO, venturiero tosco, proscritto; LÀBDACO, corsaro cartaginese, schiavo dei Greci  
Cori Comparse
Coro: Patrizi; Popolo; Siracusani; Pirati d'Itaca; Vagabonde egizie; Etère; Citariste; Sacerdotesse  
Luogo
L'azione si svolge a Siracusa, 400 anni prima dell'era volgare.  
Mutamento Scene
I: A Siracusa. Il Foro. Nel fondo il mare. Meriggio. Luce intensa. Patrizi Siracusani, Schiavi della Numidia, Popolo Greco, festanti, attendono il ritorno della galea capitana, che, comandata da Admèto, sbaragliò una nave cartaginese. Làbdaco, cartaginese, in una delle tante guerre dibattutesi fra Atene e Cartagine fatto schiavo dai Greci, assiste alla scena, appartato, accigliato, fremente.
II: Nell'isola d'Itaca. Spiaggia brulla, deserta - nel fondo mare e scogliere, dietro le quali si scorge il sartiame delle navi corsare ivi ancorate. L'isola è il rifugio degli insorti Cartaginesi, dei quali è duce e sovrano Admèto a' danni della Grecia donde fu bandito. - All'alzarsi del sipario i mozzi delle varie navi alternano i loro canti con effetti d'eco in eco, ora vibranti, ora sfumati, secondo la direzione del vento.
III, quadro primo: A Siracusa. Nel tempio di Volinnia. Sacrario./ quadro secondo: Triclinio in un ritrovo di Etère, Avventurieri, Sibariti, Orgianti. Grande sala disposta a guisa d'anfiteatro - tutto all'ingiro, letti sopra i quali sono mollemente sdraiati i convittanti. - Dietro i letti, colonnato dorico con loggia dalla quale scendono gli schiavi addetti al servizio delle mense - davanti e a' piedi dei letti, le Citariste che accompagnano canti ditirambici e danze voluttuose. Il fondo è tutto schiuso ad un lussureggiante giardino. - Un velario azzurro tempera la luce meridiana.
IV: Ampio atrio terreno nella casa di Dàrdano. - Due porte laterali. - Il fondo è tutto schiuso sul mare. - Lampade di bronzo pendono dagli architravi. - Notte illune, cupa, nera - il vento mugola  
Note
Timbro a secco: G. RICORDI/ 12 90  
Corpo Ballo
Danze di Messaggere nell'Atto Primo; di Egizie nell'Atto Secondo; di etère nell'Atto Terzo  
Disponibile al prestito
Disponibile solo per consultazione