Fondo libretti - Conservatorio di musica di Padova

Mameli

MAMELI/ AZIONE STORICA/ IN DUE EPISODI/ DI R. Leoncavallo/ e Gualtiero Belvederi/ [fregio]

Type
Opera  
Carte
24  
Struttura Frontespizio
Cop. in cartoncino grigio  
Dimensioni
14,5 x 20 cm  
Tipografo
Reggiani Enrico  
Stampa
Milano, 1916  
Segnatura
LIBRETTI/ BUSTA 6/ 3  
Libretto
Belvederi Gualtiero  
Musica
Leoncavallo Ruggero  
Atti
2 episodi  
Scene
I, 1; II, 1  
Personaggi Interpreti
GOFFREDO MAMELI; CARLO TERZAGHI; DELIA, FIGLIA DI CARLO TERZAGHI; CRISTINA TRIVULZIO, PRINCIPESSA DI BELGIOIOSO; ENRICO DANDOLO; EMILIO DANDOLO; LUCIANO MANARA; un vecchio SERVO; un SERGENTE AUSTRIACO  
Cori Comparse
una pattuglia di sbirri austiaci; volontari garibaldini; soldati delle difesa di Roma del 1849  
Luogo
Epoca 1848 - 49  
Mutamento Scene
I: Milano, novembre dicembre 1848. La scena rappresenta la stanza di studio di una ricca casa borghese, la casa di Carlo Terzaghi, situata in quel punto dell'antica Corsia dei Servi - oggi Corso Vittorio Emanuele - che faceva angolo con la via di Santa Radegonda. In fondo un largo balcone, attraverso il quale si scorgono le grandi vetriate e qualche guglia della parte posteriore del Duomo. A sinistra, in fondo, una porta che si suppone dia nell'anticamera; poscia, discendendo verso il proscenio, un largo camino ove ardono grossi pezzi di legno, e infine sul davanti una seconda porta che dà nell'interno dell'appartamento. Accanto a questa porta uno stipo di quercia con segreta. A destra: sul davanti, di fronte alla porta che conduce nelle stanze interne, una biblioteca che, girando, scopre una porta segreta per la quale si esce sulla via di Santa Radegonda. Dopo la biblioteca la consolle con orologio e i due vasi di porcellana con fiori finti coperti da campane di vetro, com'era uso nel tempo. Sopra la consolle un quadro di soggetto mitologico, ed in fondo, a destra, un uscio dà nella camera che ospita Goffredo Mameli.
II: (1849) La scena rappresenta lo spiazzio dinnanzi a una casetta di vigna romana sul Gianicolo, con un portico a due arcate. A sinistra il portone della casetta che dà nell'androne, in fondo al quale si vede un'altra uscita sulla campagna. A destra della scena, sul davanti presso la quinta, il cancello di legno che dà accesso alla vigna; indi il muretto di cinta il quale circonda la casa dal centro della scena sino al cancello a destra. Sotto il muretto si suppone passi la strada che sale al Gianicolo. Nel largo orizzonte dello sfondo si vede la cupola di San Pietro. Sotto il portico vi è un lettuccio da campo, qualche sedia, dei fucili poggiati al muro  
Note
Timbro:"Biblioteca Liceo Musicale Cesare Pollini - Padova".  
Disponibile al prestito
Disponibile solo per consultazione